Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Digital transformation nella moda: come comunicano oggi sui social le case di moda più famose

L’industria del fashion, dai retailer del cosiddetto fast fashion alle grandi maison di lusso, si ritrova in una fase epocale di cambiamento: da un lato, si sono trasformati i comportamenti di acquisto e le esigenze dei consumatori; dall’altro, la rivoluzione digitale ha impattato fortemente sulle modalità di comunicazione dei brand. Il marketing di lusso è un concetto in costante evoluzione e sempre più legato ad un approccio emozionale e digitale.

In ambito fashion, i cambiamenti più significativi – come riporta The State of Fashion Industry di McKinsey – riguardano la digitalizzazione, l’accelerazione nel go-to-market (lancio di un nuovo prodotto sul mercato), la nascita di nuovi modelli di business digitali e una nuova customer experience sempre più interconnessa e interattiva. Oggi, i più grandi luxury brand hanno iniziato una comunicazione social, aprendosi ad un rapporto più stretto con il pubblico e soprattutto ai Millennials, grazie e in particolare ad Instagram. Messaggi visual, community molto attiva e presenza di influencer, rendono Instagram la piattaforma perfetta per questo settore.

Vediamo insieme come la digital transformation ha influenzato il fashion marketing e come comunicano sui social le case di moda più famose.

Fashion Luxury e rivoluzione digitale

È ormai evidente che il futuro della moda è digitale: tutto ha avuto inizio con il cosiddetto web 2.0 che ha dato la possibilità a milioni di utenti di connettersi e di interagire con molta più facilità con siti web, blog e piattaforme social. Queste ultime, in particolare, hanno avuto un fortissimo impatto in ambito marketing tanto da dare inizio a vere e proprie strategie di Social Media Marketing – tutte quelle attività di carattere promozionale, relazionale, di posizionamento del brand svolte sui social media – con l’obiettivo di interagire direttamente con il consumatore, diventato parte attiva e interattiva del processo.

digital transformation

Per quanto riguarda il consumatore, infatti, stanno entrando in gioco dinamiche nuove, fondate sulla connessione e partecipazione: come emerge da recenti ricerche, le persone oggi vogliono interagire, influenzare ed essere loro stesse il brand che acquistano. Non solo: i consumatori vogliono a tutti costi un’esperienza di acquisto che sia “frictionless” ovvero senza problemi, semplice attraverso tutti i canali offline, ma soprattutto online a disposizione.

Oggi, infatti, il digitale è ormai entrato a 360° nella vita dei consumatori: il web e i social media sono sempre più elementi chiave per intercettare i clienti del luxury che, secondo recenti studi, in Italia sono uomini e donne under 40 con un forte orientamento al digitale tanto che internet costituisce lo strumento fondamentale per pianificare la maggior parte degli acquisti. Alla luce di questi dati, è evidente il motivo per cui la maggior parte dei brand di moda, sia di lusso che fast fashion, ha cambiato modalità di comunicazione: al momento, è imprescindibile per un brand di moda ampliare le proprie strategie di marketing, adattandole ai trend della digital transformation che ha dato la straordinaria possibilità di entrare in contatto diretto con il proprio target senza più filtri né barriere, captando anche il pubblico più giovane.

Instagram: il social preferito dalle case di moda

Con l’obiettivo di raggiungere un numero sempre maggiore di consumatori, i brand di moda hanno cominciato ad avvicinarsi al mondo dei social media, in particolar modo a Instagram, piattaforma social che sembra sposare perfettamente le esigenze dei brand fashion: la centralità dell’immagine e l’elemento visual rendono Instagram il canale di comunicazione ideale per promuovere i brand di moda. Oggi più di 25 milioni di brand hanno un profilo business e l’80% degli utenti Instagram segue almeno un’azienda di moda. I dati parlano chiaro: Instagram è sempre più una vetrina e-commerce dove gli utenti non comprano più solo online, ma vogliono farlo direttamente dal proprio smartphone.

Anche le case di moda considerate più “tradizionali” – Louis Vuitton, Hermès, Balenciaga, Chanel, Gucci gestiscono tutti account con molto successo – hanno ormai intrapreso una comunicazione social, coinvolgendo i propri utenti di riferimento tramite influencer, post e stories su Instagram che si è rivelato un validissimo strumento con cui costruire una efficace e solida storytelling del brand e dei suoi prodotti.

Ma qual è la vera forza di questo social network? Come affermato da Eva Chen, Instagram’s Head of Fashion Partnership: “Instagram democratizza la moda”. Instagram dà la possibilità di instaurare un rapporto orizzontale tra consumatori e azienda: da un lato, l’utente può esprimere liberamente il proprio apprezzamento per un prodotto tramite un semplice like o manifestare il proprio parere tramite commento; dall’altro, le imprese possono parlare direttamente con il proprio pubblico e raggiungere una connessione molto più profonda con i clienti.

Fashion e social media: Balenciaga, Burberry e Tiffany

Con la crescita e la diffusione del digitale in tutto il mondo, il Social Media Marketing è una realtà in espansione che coinvolge in tutto e per tutto, l’universo del fashion marketing e delle case di moda. Ho scelto tre case di moda molto diverse tra di loro, ciascuna con una propria strategia di comunicazione social, ma tutte efficaci nella loro diversità.

Un caso molto interessante è quello di Balenciaga: il brand infatti presenta alti livelli di engagement, anche se ha una community di dimensioni ridotte, se confrontata con i principali competitor e un numero relativamente basso di post. Che cosa significa? Significa che Balenciaga ha una profonda conoscenza del proprio target e, di conseguenza, un’eccezionale capacità di ingaggiarla grazie ad una strategia di Instagram Marketing innovativa e minimalista. Effettivamente, i post escono dai classici standard delle foto di moda e si caratterizzano per uno stile nuovo ed essenziale, come in passerella così sui social, con la peculiarità di non accompagnare nessuna caption all’immagine.

Spostandosi verso l’Inghilterra più british, Burberry è considerato un precursore dei nuovi trend in fatto di comunicazione: il brand inglese, infatti, è stato il primo a trasmettere online le proprie sfilate, non solo dando la possibilità agli utenti di seguire le nuove collezioni in diretta, ma anche di acquistare i capi poche ore dopo la sfilata stessa (“See now, buy now”). Inoltre, nel 2015, è stato creato The Art of Trench: un vero e proprio social network, basato sui contenuti generati dagli utenti dove vengono raccolte fotografie di personaggi famosi e consumatori del brand che indossano l’iconico trench, creato nel 1914 da Thomas Burberry, fondatore della maison. Si tratta di un esempio di una strategia di comunicazione digitale di successo, che è stata capace di creare una vera e propria community intorno ad un prodotto.

digital transformation burberry

Infine, anche un brand di alto livello come Tiffany, reso famoso da una intramontabile icona di stile come Audrey Hepburn, ma apparentemente così lontano dal mondo dei giovani, si è guadagnato l’attenzione dei media e dei Millennials tramite campagne pubblicitarie e digitali con come protagonisti volti giovani come Elle Fanning o Lady Gaga. Il brand romantico per eccellenza ha molto successo anche su Instagram dove presenta alti livelli di engagement tramite storie e sondaggi e, soprattutto, tramite strategie di mobile marketing: difatti, è stata lanciata una app What makes love true dove trovare musiche e film romantici, fotografie e ispirazioni per matrimoni e l’app Engagement ring finder dove gli utenti possono sfogliare il catalogo Tiffany e fissare un appuntamento in negozio.

Perché è importante il Fashion Marketing?

Il mondo della moda non è rimasto indifferente al grande processo di trasformazione digitale: si è rinnovato dalle fondamenta, aprendosi alla comunicazione social. Al centro del mio nuovo libro – Fashion Marketing tra shopping online e dinamiche della moda 4.0 – c’è proprio il rapporto tra fashion e digital marketing e la sua straordinaria evoluzione negli ultimi anni.

Attraverso esempi pratici e case history, il libro ha l’obiettivo di mostrare il potenziale del fashion marketing la cui comunicazione è radicalmente cambiata, in seguito all’avvento della digitalizzazione e dei social media. Non solo: Fashion Marketing tra shopping online e dinamiche della moda 4.0 è l’occasione, per appassionati ed esperti del settore, di avere un supporto concreto e un manuale guida all’interno delle dinamiche e trend legati al mondo fashion.

Mi presento

Sono Isabella Ratti, una Style Coach con il cuore italiano e l’anima nomade. A Milano scarico l’adrenalina nell’animazione delle sfilate, a Lugano coltivo l’equilibrio. Da bambina disegnavo abiti, oggi aiuto le persone e le aziende a disegnare la loro immagine, trasformando imperfezioni e difetti in punti di forza.

Seguimi sui Social

Restiamo in contatto!

Per maggiori informazioni sui miei corsi o sui miei servizi, non esitate a scrivermi qualsiasi domanda o richiesta, vi risponderò il prima possibile!

CONTATTAMI